come si forma umidita sui muri come rimuovere

Come si forma l’umidità sui muri e come rimuoverla

Con l’inverno inoltrato il problema dell’umidità sui muri assilla tante persone, se anche tu hai questi problemi non scoraggiarti perché ci sono tanti modi per intervenire per eliminarla.

L’intervento si deve fare al più presto, quando sorge il problema, perché non è solo una questione estetica o strutturale ma anche di salute. L’umidità è sempre accompagnata dalla tipica efflorescenza conosciuta come muffa e respirare l’aria in una stanza dove c’è umidità e muffa non è salutare.

Inoltre, l’umidità può comportare problemi muscolari perché acutizza il dolore quando sono presenti problemi di artrite, artrosi e reumatismi.

Come si forma l’umidità sui muri

Prima di intervenire bisogna prendere atto del problema e capire cos’è l’umidità e perché e come si forma l’umidità sui muri.

L’insorgere dell’umidità può dipendere da tanti fattori.

  • La prima causa può essere la condensa del vapore acqueo che si deposita sui muri;
  • un’altra causa può essere l’umidità che viene dal terreno e s’infiltra nei muri;
  • oppure ci potrebbe essere l’infiltrazione dal soffitto per ristagno di acqua piovana sul terrazzo o infiltrazioni dal tetto.

Anche una rottura delle tubature che passano tra le pareti potrebbero provocare l’umidità. Da non sottovalutare, tra le cause, anche il problema di accumulo di umidità in fase di costruzione della struttura e nella preparazione dei materiali occorsi, quindi l’umidità è radicata.

La muffa che è una conseguenza dell’umidità è causata da tanti fattori che a volte non dipendono solo dalle infiltrazioni. Difatti, una stanza poco illuminata dal sole con scarsa ventilazione può contribuire in modo notevole alla formazione di umidità e muffa.

Tuttavia, si può intervenire in tutti i possibili scenari che hanno contribuito alla formazione dell’umidità sui muri di casa tua.

come si forma umidita sui muri come rimuovere

Le conseguenze dell’umidità sui muri

A livello strutturale la presenza di umidità può causare tanti problemi alla tua casa. Nel fenomeno delle efflorescenze saline dovute all’umidità di salita, si assiste spesso anche al distacco dall’intonaco dalle pareti. Si formano delle bolle d’aria tra l’intonaco e il muro a causa dei sali idrosolubili contenuti nell’acqua che proviene dal terreno.

In breve tempo da una piccola macchia nera sul muro ci si ritrova con l’intonaco sbriciolato e la muffa. Tra l’altro non conviene mai trattare la muffa passando uno straccio per toglierla perché si aggrava il problema, poiché si spostano le spore contribuendo a trasferire le macchie nere in altri punti. La cosa da fare è consultare un professionista del settore per capire come intervenire.

Interventi con professionisti per risolvere l’umidità

Una delle metodologie più utilizzate è quella di adottare degli intonaci adatti ai problemi di umidità sui muri che hanno proprietà termoisolanti, soprattutto per gli ambienti dove l’umidità è provocata dal vapore acqueo, come il bagno e la cucina.

Un’altra soluzione è quella di intervenire esternamente con un cappotto termico.

Il cappotto termico esterno potrà garantire anche altri vantaggi alla casa. Difatti, oltre a contrastare la presenza di condensa sui muri, evitando l’insorgere di umidità e muffe, protegge le pareti esterne dal calore estivo e limita la dispersione di calore in inverno. In entrambi i casi sarà un notevole risparmio in bolletta.

Metodi per eliminare la muffa dai muri

In commercio esistono tanti prodotti sia fai da te che per professionisti. Purtroppo, ti sarai accorto che con il fai da te, spesso, non hai risolto il problema perché la muffa non è sparita anzi è aumentata.

I prodotti che si possono utilizzare sono dei potenti biocidi che hanno bisogno di tante ore per agire sulla muffa. Lasciare ad un professionista questo compito è sempre la soluzione migliore perché sa meglio di noi come intervenire.

Per evitare il ritorno delle muffe dopo l’intervento con i battericidi è necessario eliminare il residuo e scrostare la pittura vecchia dai muri. Poi, sarà il caso di contattare un imbianchino per trattare i muri con i prodotti adatti, oppure nel caso del fai da te, richiedere al rivenditore la migliore tra le pitture antimuffa.

Le pitture adatte in questo caso devono contenere calce o silicati, per lasciare traspirare le pareti. Per rimuovere l’umidità sui muri e la muffa rivolgendosi ad un esperto c’è anche la possibilità di fare un cappotto interno antimuffa. Questo viene effettuato da ditte specializzate in questo settore, con l’utilizzo di pannelli traspiranti e antimuffa.

Umidità di risalita

Quando si tratta di umidità di risalita l’impermeabilizzazione è fondamentale. Anche se sei intervenuto in tanti modi, sicuramente non sei riuscito ad arrivare al cuore del problema. In questi casi, è possibile risolvere i problemi che riguardano le fondamenta, ma l’intervento di un esperto è fondamentale per risolvere in modo definitivo le problematiche inerenti all’umidità sui muri che proviene dal basso.

I deumidificatori

I deumidificatori, anche se non risolvono alla radice il problema, possono contribuire ad attenuare la presenza dell’umidità sui muri dato che contribuiscono a migliorare l’areazione dei locali.

Si tratta spesso di piccoli elettrodomestici che è possibile spostare. La cucina e il bagno sono i luoghi più colpiti dall’umidità, ma anche le stanze non esposte al sole in inverno o quelle dove vengono stesi i panni possono essere intaccate.

Con i deumidificatori si può evitare che l’umidità venga fuori e si trasformi in muffa. Pertanto, il deumidificatore è un apparecchio che non dovrebbe mancare in quelle case soggette ad umidità.

Se vuoi maggiori informazioni su come si forma l’umidità sui muri e come rimuoverla puoi controllare altre fonti sul web che potranno confermare quanto scritto da noi, oppure puoi chiamarci direttamente ai riferimenti che trovi sulla homepage di Idraulico Roma per avere a casa tua un tecnico esperto che possa risolvere il tuo problema idraulico.

CONDIVIDI